NOTATIONS
 
Associazione culturale-musicale
Via Malherbes 1 - 11100 Aosta (AO)
tel +39 347 60 93 460 - +39 338 69 17 493
info[at]notations.it - www.notations.it
P. Iva - C. F. 01122260076 - note legali

 


MASSIMO BEZZO E ANDREA MANZONI ALLA SAISON CULTURELLE

Argomento: news

 MASSIMO BEZZO E ANDREA MANZONI 

 

Giovedì 9 aprile 2015

Teatro Splendor di Aosta - ore 21

 

Massimo Bezzo e Andrea Manzoni, pianoforti

 

 

In programma musiche di Brubeck, Piazzolla, Swenson e Ravel.

 

Scorrendo velocemente i curricula individuali di Massimo Bezzo e di Andrea Manzoni si noteranno subito alcune differenze fra i due percorsi artistici. Tuttavia il primo, pur muovendosi prevalentemente nell’ambito classico, è da sempre è sensibile a collaborazioni che sfuggano all’accademismo e alla tradizione (come il progetto Low Budget Orchestra, fondato su musiche di Frank Zappa), attento a proporre autori e repertori poco eseguiti nelle sale da concerto e organici particolari (ad esempio il Trio Musiké, con Davide Sanson alla tromba e Devid Ceste al trombone). Anche il secondo, sopraffino pianista jazz, si muove con estrema disinvoltura sui palchi di mezza Europa con progetti che vanno dalla musica elettronica alla canzone d’autore fino alla musica pop, ma conosce il mestiere del pianista classico così bene da occuparsi anche della riabilitazione dei colleghi che hanno subito traumi da affaticamento cronico.
Da questi due universi apparentemente distanti si sviluppa il progetto del duo, teso ad individuare di volta in volta autori e brani che possano adattarsi, o che possano essere reinterpretati, utilizzando stili e concezioni differenti, senza per questo perdere il loro carattere originale e soprattutto la carica emotiva che possiedono.
Non un concerto per puristi quindi, ma per ascoltatori che hanno voglia di mettere in gioco le loro orecchie e la loro curiosità, nella convinzione che qualsiasi tipo di musica, se scritta bene, ha pari dignità a prescindere dallo stile e dal genere in cui è stata composta. 


Pubblicato Lunedi 06 Aprile 2015 - 22:14 (letto 3104 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (1) Print Stampa


CONCERTS D'HIVER - DUO IMPERIAL

Argomento: news

  DUO IMPERIAL 

 

Domenica 22 marzo 2015

Biblioteca di Saint-Christophe - ore 20,45

 

Joël Impérial, viola

Gilbert Impérial, chitarra 

 

 

 

JOEL IMPERIAL

Joël Impérial nasce ad Aosta nel 1979 e inizia lo studio del violino presso l’Istituto Musicale della sua città. Dal 1993 al 1998 studia sotto la guida di O. Scilla e successivamente con D. Zaltron presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino dove si diploma con il massimo dei voti nel 2001. In seguito, è allievo di D. Rossi e segue le lezioni di L. Ranieri. Si perfeziona con Hatto Beyerle presso la Scuola di Musica di Fiesole e con Patrick Jüdt presso la Hochschule der Künste di Berna. Ha suonato con l'Orchestra Giovanile Italiana e la Gustav Mahler Jugendorchester.. Ha studiato musica da camera con Boris Baraz, Piero Farulli, Alain Meunier, Milan Skampa e si è esibito sotto la direzione di Claudio Abbado, Ivan Fischer, Daniele Gatti, Carlo Maria Giulini, Eliahu Inbal, Mariss Janssons, Giuseppe Sinopoli e Franz Welser-Möst. Vincitore di  Nel 2003 vince il concorso per viola di fila all’Orchestra della Toscana ricoprendo questo ruolo fino al 2006.  Joël è stato prima viola dell'Orchestra “I Pomeriggi Musicali” di Milano e da febbraio 2010 ricopre il ruolo di viola di fila nell’Orchestra del Teatro alla Scala e nella Filarmonica della Scala. Collabora con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, l'Orchestra del Teatro Regio di Torino, l’Orchestra Filarmonica di Torino, l'Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, l'Orchestra da Camera di Mantova. 

 

 

GILBERT IMPERIAL

Gilbert Impérial ha compiuto gli studi musicali presso l'Istituto Musicale della sua città. In seguito si è perfezionato presso la Hochschule für Musik di Würzburg e presso la Haute Ecole des Arts de Berne. Svolge una intensa attività concertistica ed è stato ospite di prestigiose istituzioni musicali in Cina, Corea, Giappone, Svizzera, Argentina e Brasile. Collabora con varie formazioni cameristiche e orchestre e nei suoi concerti affronta repertorio di ogni epoca, con particolare interesse per il repertorio contemporaneo e cameristico.  Le sue esecuzioni sono state trasmesse da RaiTre, RadioTre, dall’emittente svizzera “Télevision de la Suisse Romande”, dall'emittente tedesca “Bayerische Rundfunk” e dalla Televisione di Stato Vietnamita. Dall’A.A. 2014/2015  è docente di chitarra presso l'Istituto musicale pareggiato della Valle d'Aosta. Come insegnante inoltre ha tenuto masterclass in vari conservatori in Cina, Corea, Argentina, Brasile, Svizzera e Francia. Gilbert ha pubblicato un CD dedicato alla musica da camera di Niccolò Paganini e un DVD "Another Possibility" dedicato alla musica per chitarra sperimentale e contemporanea. 

Ulteriori informazioni: www.gilbertimperial.com  - http://vimeo.com/gilbertimperial

 

Pubblicato Mercoledi 18 Marzo 2015 - 23:54 (letto 3041 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (2) Print Stampa


Argomento: ../nonews

 ARCOVA VOCAL  ENSEMBLE

 

Domenica 15 marzo 2015

Chiesa Collegiata di Sant'Orso - ore 20,45

 

Davide Benetti, direttore 

 

 

AprirÓ il concerto il coro Canto Leggero diretto da Luigina Stevenin 


 

Visto il successo riscontrato dall’Arcova Vocal Ensemble, in veste di coro laboratorio, nel corso del Seminario Europeo per Giovani Compositori svoltosi ad Aosta nell’estate 2014, l’Arcova (Associazione Regionale cori Valle d’Aosta) ha deciso di valorizzare e investire nel progetto di crescita artistica di questo giovane coro. Il gruppo si Ŕ costituito nel gennaio 2014, ne fanno parte giovani coristi valdostani provenienti da diverse realtÓ corali: Canto Leggero, Ensemble Vocal de Si de La, Grand-Combin, Joie de Chanter, La Manda, Polifonico di Aosta, Saint-Roch, Saint-Vincent e Valgrisenche.

Il direttore del gruppo Ŕ Davide Benetti, insegnante di organo e esercitazioni corali presso la SFOM (Scuola di Formazione e Orientamento Musicale). Direttore di coro che ha studiato sotto la guida del M. Dario Tabbia, si Ŕ specializzato con importanti Maestri quali Berrini, Broadbent, Busto, Corti, Donati, Graden, Holten, Marzola, Rasmussen e ha vinto, ad Arezzo nel 2013, il primo premio al Concorso nazionale di direzione Le mani in suono.

 


 


Pubblicato Giovedi 12 Marzo 2015 - 10:30 (letto 2993 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (2) Print Stampa


Argomento: ../nonews

 LA MANI DELLA MUSICA

 

Domenica 8 marzo 2015

Salone ducale del municipio di Aosta - ore 20,45

 

Sara Loffredi, autrice

Selene Framarin, voce recitante

Massimo Bezzo, Pianoforte


 

Sara Loffredi, nata a Milano nel settembre del 1978, lavora come editor per Giuffrè. Nel 2009 il suo racconto “Non dire falsa testimonianza” vince Subway letteratura e viene distribuito nel circuito metropolitano di Milano, Roma, Napoli e altre 12 città italiane. L'antologia realizzata nel 2011 per l'ottantesimo di ATM Milano contiene il suo racconto “Come fosse vero”, realizzato a partire da documenti d’archivio. Nel gennaio 2011 viene ammessa in Bottega di Narrazione sotto la guida di Giulio Mozzi, dove lavora al romanzo “La felicità sta in un altro posto” che viene pubblicato nel gennaio 2014 da Rizzoli.


Da alcuni anni Selene Framarin indirizza la sua attività di clarinettista allo studio dell'aspetto corporeo del fare musica: gesto, fisicità, potenzialità performative del repertorio, fino al vero e proprio teatro musicale. Pensa che nel curriculum non si debba cadere nell'errore di apparire meglio di quello che si è; di lei possiamo dire che è sempre in ritardo, molto disordinata e che dimentica svariati oggetti in posti fantasiosi. E' stata docente del Conservatorio Nazionale Edward Said in Palestina e crede nel significato civile del fare musica, testimonianza tangibile del pensiero intorno alla realtà.


Massimo Bezzo, Pianista, è titolare dal 1991 della cattedra di Pianoforte Principale nella sezione Sfom (Scuola di Formazione ed Orientamento Musicale) della “Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta”. Il suo interesse si rivolge ad autori e repertori poco eseguiti nelle sale da concerto e ad organici particolari, con i quali può esprimere compiutamente la sua concezione musicale. Suona abitualmente in duo con il chitarrista Gilbert Impérial, con il quale ha tenuto una tournée in Sud America (Argentina e Uruguay) per il Mozarteum argentino e con il Trio Musiké con cui ha inciso il Cd “Opere del ‘900 per tromba trombone e pianoforte”. Ha pubblicato inoltre un doppio Cd solista, “American Moods”, dedicato alla musica statunitense del ‘900. È presidente della corale Grand Combin di Gignod.       


Pubblicato Sabato 07 Marzo 2015 - 09:22 (letto 2796 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (1) Print Stampa


CONCERTS d'HiVER 2015 - primo appuntamento

Argomento: news

SYNCRONOS DUO

 

Domenica 1° marzo 2015

Biblioteca di Saint-Christophe - ore 20,45


 

L’ensemble di percussioni di Lorenzo Barbera e Lorenzo Guidolin nasce nel 2013 in seguito alla decisione di unire le rispettive esperienze musicali in un progetto comune. Il gruppo propone un repertorio vario che accontenta un pubblico amante del periodo classico ma anche di sonorità più moderne e contemporanee. I brani infatti spaziano da arrangiamenti di composizioni classiche (J. S. Bach, M. Ravel), a partiture più contemporanee (S. Reich, A. Morag, C. Corea), a composizioni originali scritte appositamente dai componenti del gruppo.

La famiglia degli strumenti a percussioni è molto ampia ma i Synchronos durante i loro concerti mostrano al pubblico tutte le sfumature sonore di questo insieme attraverso i suoni morbidi e caldi degli strumenti a tastiera (marimba e vibrafono) e sonorità più percussive con set di tom e tamburi. Tutto questo per arrivare ad un concerto vario e mai monotono dove classico e moderno si fondono in un’unica entità.

Lorenzo Barbera si avvicina al mondo delle percussioni grazie all’insegnante Matteo Cigna. Continua poi gli studi classici presso l’Istituto Musicale Pareggiato della Valle d’Aosta sotto la guida di Daniele Vineis per poi proseguire a Torino studiando con Riccardo Balbinutti dove nel 2013 ottiene la Laurea Biennale. Nel frattempo si perfeziona anche nella studio della batteria moderna a Biella con Andrea Beccaro e partecipa a clinic e masterclass con batteristi di fama internazionale tra i quali Dave Weckl, Marco Minnemann e Chuck Silverman. Attualmente si dedica alla didattica e ai suoi vari progetti musicali.

 

Lorenzo Guidolin inizia gli studi musicali presso la Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta con il maestro Mauro Gino per proseguire poi al “Conservatoire National de Région de Lyon” sotto la guida del maestro Jean-Luc Rimey-Meille conseguendo nel 2013 il DEM (Diplôme d’Études Musicales). Attualmente frequenta il Conservatorio “G. Verdi” di Torino studiando col maestro Riccardo Balbinutti. Negli anni si interessa alla musica etnica partecipando a masterclass tenute da docenti di fama internazionale come Gilson Silveira, Ray Lema o Kassoum Diarra.


Pubblicato Sabato 28 Febbraio 2015 - 14:49 (letto 2739 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (1) Print Stampa


CONCERTS D'HIVER 2015 - X EDIZIONE

Argomento: news

 

E dieci! 

Mai avremmo immaginato di arrivare fin qui quando, dieci anni fa, iniziammo ad organizzare Concerts d’Hiver, animati dall’intenzione di offrire, a quello che nel tempo si è trasformato in un numeroso ed affezionato pubblico, una occasione per incontrarsi ed ascoltare musica insieme.

Dalla sede “storica”, la chiesa di Saint-Léger ad Aymavilles, ai numerosi concerti nei vari comuni che negli anni hanno collaborato con noi, tanta musica, tanti musicisti (e tanti appassionati) ci sono stati vicini.


Quest’anno abbiamo deciso di ringraziare prima di tutto chi ci ha permesso, confermando il suo sostegno all’iniziativa, di tagliare questo prestigioso traguardo: un grazie di cuore quindi alle amministrazioni comunali di Aosta e di Saint-Christophe, le uniche in questo momento a comprendere l’importanza della cultura e a sostenerne l’onere con convinzione.

Credo che sia doveroso ricordare proprio in questi frangenti quanto la cultura, in altre realtà, sia considerata una parte sempre più importante dell’economia, e quanto le risorse investite in questo campo possano generare più ricchezza dell’investimento iniziale, tanto che: “... basterebbe un euro pubblico investito in cultura in Italia per generarne altri venti di Pil” (fonte Eurispes ‘2013).


Passiamo alla musica. Esordiremo con l’energia e l’entusiasmo del Synchronos Duo, un giovane ed interessante duo di percussionisti valdostani, in un programma che, fra brani originali e trascrizioni, attraverserà varie epoche e stili musicali. 

Il secondo appuntamento, pensato e dedicato alle donne in occasione dell’8 marzo, vedrà protagonista, oltre alla musica, la parola, con lo spettacolo Le mani della musica, un racconto a tre voci (quella originale dell’autrice, Sara Loffredi, quella narrante di Selene Framarin, e quella musicale di Massimo Bezzo) ispirato al libro “La felicità sta in un altro posto” edito da Rizzoli.

L’incontro successivo sarà caratterizzato dalla qualità e freschezza del coro AVE, realtà neonata in seno all’Arcova, l’associazione dei cori valdostani, una conferma per noi della volontà creativa e dell’amore per la musica che anima sul nostro territorio tantissimi appassionati!

La rassegna si concluderà con un concerto da camera per viola e chitarra del duo formato da Joël e Gilbert Impérial, progetto che vuole riscoprire e valorizzare il repertorio spesso inedito dedicato a questa particolare formazione.

Vi Aspettiamo Domenica prossima!!

 

 


 


Pubblicato Domenica 22 Febbraio 2015 - 17:46 (letto 2862 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (1) Print Stampa


CONCERTS D'HIVER 2014 - ULTIMO APPUNTAMENTO

Argomento: news

 

DOMENICA 2 MARZO - ore 20,45

Chiesa parrocchiale di Saint-Pierre

CORO LA RUPE

 

 


Direttote, Domenico Monetta


Aprirà il concerto il coro Nouvelle Harmonie diretto da Marco Benech

PROGRAMMA 

L. da Viadana (1560-1627) O Sacrum Convivium
C. de Rore (1515-1565) Stetit Jesus
P. A. Yon (1886-1943) Requiem
F. Poulenc (1899 -1963) Quatre petites prières de Saint François d’Assise
T. Vettik (1898-1982) Kuu
A. Bertolin - T. Colombotto (1936) L’infini
A. Negri / D. Conrero Strana
W. Byrd (1539-1623) - Arr. Hilda Morgan Ave Verum Corpus
F. Mendelssohn-Bartholdy (1809-1847) Op. 115 Beati Mortui
Periti Autem
M. Da Rold (1976) O Magnum Mysterium
F. X. Biebl (1906-2001) Ave Maria (Angelus Domini)
XV sec Arr. A.Parker (1925) R.Shaw (1916-1999) L’Amour de Moy
Sini / Rachel / Arm. C. Margutti (1974) A Diosa
H. Genzmer (1909-2007) Römische Weinsprüche

 



Il coro La Rupe nasce a Quincinetto nel 1953, ispirandosi al canto di matrice popolare, nella cornice di un paese ricco di suggestioni musicali e di una antica tradizione vocale. Dagli anni ʼ60 la direzione è curata dal maestro Dante Conrero, che arricchisce il repertorio classico di brani dʼautore e di armonizzazioni originali che caratterizzeranno una peculiare linea interpretativa del gruppo. Negli anni ʼ70 il maestro Gigi Valenzano, ispirato musicista, prosegue questo percorso dirigendo il coro dal 1973 al 1981. È con il lavoro del maestro Edy Mussatti, direttore dal 1982 al 2008, che La Rupe vive unʼulteriore evoluzione. Mussatti crea un insieme vocale che ottiene favorevoli consensi da parte di pubblico e critica. Vanno ricordati, di questi anni, gli importanti riconoscimenti nei concorsi in Italia e allʼestero: da segnalare 8 primi premi nazionali, e 1° posto nella categoria OCTM per cori virili al Concorso Internazionale di Montreux (1999). Dal 2008 alla direzione artistica del coro cʼè Domenico Monetta, già corista nella sezione dei baritoni dal 1988. Nel maggio 2011 La Rupe partecipa al 45° Concorso Nazionale di Vittorio Veneto, aggiudicandosi il 1° posto nella categoria Cori Maschili, il 2° posto nella categoria di Canto Popolare, il 3° posto nella categoria Musiche Originali D'Autore, a coronare il risultato, un premio speciale, assegnato al Maestro Domenico Monetta, per il direttore con le migliori doti interpretative. Nel 2011 sono da ricordare la collaborazione con il Coro dellʼAccademia Corale Stefano Tempia per lʼapertura della stagione concertistica, e su invito della Feniarco in rappresentanza della coralità italiana, il concerto di benvenuto allʼAssemblea Generale dell'European Choral Association Torino 2012. Nel Luglio 2012 nellʼambito della manifestazione internazionale Europa Cantat 2012, che si è svolta a Torino, il Coro ha partecipato a una masterclass con il celebre direttore estone Hirvo Surva. Nellʼaprile del 2013, nellʼanno del proprio Sessantennale, La Rupe ottiene il terzo posto nella categoria voci pari al 49° Concorso Internazionale di Montreux.


Pubblicato Martedi 25 Febbraio 2014 - 08:30 (letto 4279 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (4) Print Stampa


CONCERTS D'HIVER 2014 - TERZO APPUNTAMENTO

Argomento: news

 

Chiesa parrocchiale di Saint-Marcel

VIVALDI GUITAR TRIO

 

 


 

VIVALDI GUITAR TRIO
Ignazio Viola - Enrico Negro - Mario Cosco

PROGRAMMA

A. Vivaldi (1678-1774) Trio RV 85 

S. Rak (1945) Four Moods

O. Naslünd (1952) Trio

G. Mirto (1972) Domus de Janas 

I. Albéniz (1860-1909) Granada - Asturias

 



Il Trio chitarristico “A. Vivaldi” è nato nel 1992 per iniziativa di Enrico Negro, Ignazio Viola e Mario Cosco, tre musicisti torinesi, allievi della classe di Guido Margaria al Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria. Il gruppo si è imposto in breve tempo in numerosi concorsi nazionali ed internazionali, aggiudicandosi il primo premio ai Concorsi “Amadeus” di Martina Franca (1993), “Città di Ercolano” (1994), “P. Barsacchi” di Viareggio (1995), “Città di Nova Milanese” (1995) e altri. Il repertorio del Trio, in continua crescita ed evoluzione, nasce da un?attenta esplorazione del repertorio originale per tre chitarre ottocentesco e del Novecento, nonché dall?uso di riuscite trascrizioni di brani del periodo Barocco (Vivaldi su tutti) fino ad arrivare alla musica contemporanea, verso la quale la formazione ha per lungo tempo incentrato il proprio interesse.
Il Trio ha infatti direttamente collaborato con diversi autori per la creazione di nuove musiche (tra gli altri: F. Mannino, G. Ferrari, T. Procaccini, D. Zanettovich, R. Vianello, A. Basevi, R. Beltrami, G. Mirto ed altri) e realizzato due lavori discografici dedicati al repertorio originale novecentesco e contemporaneo: “Original 20th Century Works For Three Guitars” (Rainbow Classics 1996) e “Contemporanea – Autori Italiani per tre chitarre” (Lira Classica - M.a.p. 2002).
La formazione ha inoltre esplorato il repertorio popolare attraverso la collaborazione con la cantante Paola Lombardo e il nuovo progetto dell?Ensemble Leone Sinigaglia, che ripropone canti della tradizione piemontese in una veste rivisitata da compositori contemporanei. Da questo progetto è nato il cd “La crava mangia ij more” (Folkclub – Ethnosuoni 2008). Il gruppo ha realizzato in prima esecuzione assoluta numerosi lavori inediti, molti dei quali ad esso espressamente dedicati, curandone la revisione per l?edizione a stampa per diverse Case Editrici (Bèrben, Pizzicato Verlag).

 


Pubblicato Sabato 22 Febbraio 2014 - 13:51 (letto 4240 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (3) Print Stampa


CONCERTS D'HIVER 2014 - SECONDO APPUNTAMENTO

Argomento: news

 

Biblioteca di Saint-Christophe

NAIM TRIO

 

 


NAIM TRIO
Stefano Melis Sax Soprano
Roberto Bongianino Fisarmonica
Paolo Grappeggia Contrabbasso


 

PROGRAMMA

C. Mingus (1922-1979) Nostalgia in times square
P. Metheny (1954) Antonia
Mc Coy Tyner (1938) African village
Trad. / G. Gilli Le rêve de pantagruel
D. Brubeck (1920-2012) Blue rondò a la turca
S. Rivers (1923-2011) Beatrice
B. Kaper (1902-1983) Invitation
Traditional Waltz for a magpie
A. Piazzolla (1921-1992) Oblivion
F. Zappa (1940-1993) King Kong 

 

 



Il "Naim trio" nasce nel 2004 come progetto-laboratorio per fondere le esperienze jazz e classiche dei suoi tre componenti, la cui versatilità crea la giusta base per gli arrangiamenti dei brani proposti. 
L’organico insolito regala al pubblico sonorità inusuali, di sicuro impatto. 
Il repertorio proposto parte dalla rivisitazione di brani jazz classici (Monk, Mingus, Coltrane) e contemporanei (Haden, Metheny), continuando con arrangiamenti di temi tratti dal repertorio di musiche da film (Morricone, Mancini, Bacalov, Carpi).
Un posto di riguardo hanno le musiche di Piazzolla (Libertango, Adios Nonino, Oblivion, ecc.) e non mancano proposte inedite di compositori emergenti che scrivono e arrangiano collaborando con il trio (Moretti, Dalla Fontana). 
Il NAIM TRIO ha registrato la colonna sonora del cortometraggio “La bumba” di Alessandro Dominici (musiche di Andrea Dalla Fontana).

Stefano Melis, diplomato presso il conservatorio di Alessandria ha suonato sia in orchestre sinfoniche sia in big bands; fa parte dei progetti “Circo Maltese” e “The Bobbies”.
Roberto Bongianino, polistrumentista e compositore studia musica dall'età di cinque anni. Suona con Paolo Bonfanti e con il trio “Animalunga”. 
Paolo Grappeggia, diplomato presso il conservatorio di Aosta collabora con orchestre sinfoniche e complessi jazz. Tra le collaborazioni: “Orchestra da tre soldi” e quintetto “Architorti”.
I membri del NAIM TRIO fanno parte della OPLAB orchestra.


Pubblicato Martedi 11 Febbraio 2014 - 09:20 (letto 4122 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (3) Print Stampa

Vai alla pagina successiva »